Che Cosa Ha Causato Il Genocidio Di Anfal?

Che cosa ha causato il genocidio di Anfal?

Il genocidio di Anfal erano atrocità commesse contro i civili curdi dal governo iracheno tra 1986 e 1989. Le atrocità sono state il risultato della campagna di Anfal commissionata da Saddam Hussein per sconfiggere la resistenza kurda nel nord dell'Iraq nell'ultima fase della guerra tra Iraq e Iran del compianto 20th secolo. Almeno i civili 50,000 sono stati uccisi mentre migliaia di villaggi e città sono stati decimati nel genocidio che ha visto bombardamenti aerei, deportazioni ed esecuzioni di massa e guerra chimica.

Le atrocità

Mentre l'operazione contro la resistenza kurda ha avuto luogo tra 1986 e 1989, le atrocità contro i civili curdi che hanno definito il genocidio sono state osservate tra febbraio e settembre, 1988. Saddam Hussein, l'allora leader iracheno aveva sanzionato l'operazione in 1986. Ali Hassan al-Majid, che era il cugino del presidente, è stato incaricato di guidare l'operazione e ha guidato una forza armata composta da circa 200,000 soldati. Il governo iracheno ha catturato e trasportato migliaia di civili curdi nei centri di detenzione. I maschi adulti idonei al servizio militare (tra gli anni di 15 e 50) che erano considerati come ribelli venivano radunati, trasportati dai campi di concentramento e sommariamente giustiziati in una mossa che mirava a sterminare i curdi maschi adulti. Anche donne e bambini sono stati uccisi durante la purga, ma invece di un plotone di esecuzione, sono stati morti di fame o gasati.

Conseguenze

Human Rights Watch ha descritto dettagliatamente gli effetti della campagna Anfal e ha indicato che molti dei civili 100,000 sono stati uccisi nel genocidio, con altre fonti che hanno messo il numero di morti tra i civili a circa 182,000. Intere popolazioni sono state spazzate via in alcuni villaggi mentre si stima che persone 17,000 siano scomparse durante la campagna. Si stima che i villaggi 4,000 siano stati completamente distrutti durante la campagna mentre circa 250 di essi sono stati sottoposti ad armi chimiche. Tanto quanto 90% dei villaggi in alcune aree mirate sono stati cancellati nel Kurdistan iracheno. Migliaia di strutture pubbliche sono state distrutte nella campagna, comprese le moschee 2,450, le scuole 1,754 e gli ospedali 270.

trials

Tre dei più importanti processi basati sul genocidio di Anfal erano quelli di Saddam Hussein, Frans van Anraat e Al-Majid. Frans van Anraat è un esempio notevole perché è stato direttamente coinvolto nella perpetrazione del genocidio nonostante non fosse un cittadino iracheno. Van Anraat è stato dichiarato colpevole in un tribunale olandese di 2005 per la vendita di armi chimiche al governo iracheno e ha ricevuto una condanna di un anno 15. Al-Majid è stato riconosciuto colpevole per il suo ruolo nel genocidio ed è stato condannato a morte a giugno 2007. Al-Majid avrebbe cercato di ottenere un risarcimento sotto forma di appello, ma il giudizio è stato confermato ed è stato impiccato a gennaio 25th, 2010. Il processo a Saddam Hussein sul suo ruolo nel genocidio era ancora in corso quando fu impiccato per il suo ruolo in un altro genocidio non connesso, il Dujail Genocide.

Riconoscimento internazionale

Solo quattro paesi al mondo hanno riconosciuto formalmente il genocidio di Anfal, "e questi sono il Regno Unito, la Norvegia, la Svezia e la Corea del Sud. La Svezia ha riconosciuto formalmente il genocidio di Anfal a novembre 21st, 2012, diventando il primo paese a farlo. Il governo regionale del Kurdistan osserva annualmente il ricordo del genocidio di 14th.