Le Antiche Rovine Di Gedi Del Kenya

Autore: | Ultimo Aggiornamento:

Passato Grandezza di Gedi

Le rovine di Gedi rivelano una storia dell'Africa completamente diversa e meno conosciuta. Mentre è opinione comune che l'Africa fosse un paese di tribù selvagge che praticano uno stile di vita primitivo prima della colonizzazione del continente da parte degli europei, le rovine di Gedi dimostrano il contrario. Situato nel Kilifi Country del Kenya, sulle rive dell'Oceano Indiano, sepolto nelle rigogliose e verdi foreste del paese, gli archeologi hanno scoperto le rovine di una città 13th Century che sembrava abbastanza avanzata per il suo tempo. Gli abitanti di Gedi amavano vivere in case di mattoni di corallo con scorte di acqua corrente e servizi igienici a livello. Il recupero di manufatti come vasi cinesi e occhiali veneziani dalle rovine dimostra il fatto che i cittadini di Gedi hanno avuto forti contatti con il mondo esterno e hanno stabilito relazioni commerciali con culture globali.

Rovine uniche

Le rovine di Gedi si estendono su una vasta area di terra con la città storica che comprende due mura intorno ad essa. Si ritiene che i ricchi della città vivessero entro i confini sicuri del muro interno, la classe media vivesse entro i confini del muro esterno mentre i contadini e altre comunità economicamente meno potenti vivevano fuori dalle mura della città. La città comprende anche una moschea, un forte, palazzi e tombe costruiti utilizzando lo stile di architettura swahili. Gli edifici sono costruiti principalmente in gesso, terra e coralli. Un pozzo profondo 50 vicino alla moschea, conosciuto popolarmente come il "Pozzo della Grande Moschea" è impressionante nel suo design ed è stato probabilmente usato per i bagni cerimoniali. Vicino al palazzo 15th Century, ci sono diverse camere che possono essere raggiunte solo da botola nel tetto ed erano probabilmente usate per immagazzinare la ricchezza delle ricchezze.

Significato moderno

Oggi, le rovine di Gedi testimoniano la vita e la cultura della gente dell'Africa 13th Century. Fornisce una panoramica dell'economia, dell'architettura, dei modi di vita, della struttura sociale e di altri aspetti delle antiche civiltà africane. La storia e l'architettura di Gedi sembra essere intrecciata con quella di altri stati swahili dell'Africa del suo tempo come il Songo Mnara e il Kilwa Kisiwani della Tanzania. L'estrema importanza di Gedi ha portato alla collocazione di questo sito storico nella lista provvisoria per essere considerato patrimonio mondiale dell'UNESCO. Le rovine sono anche visitate da turisti, fotografi e storici che mirano a esplorare, sperimentare e conoscere la vita nell'Africa antica.

Habitat regionali e biodiversità

Le rovine di Gedi non sono solo significative per la sua storia culturale, ma è anche un tesoro naturale che ospita almeno 50 specie di piante indigene all'interno dei suoi confini. L'intera area è coperta da un tipo di foresta di latifoglie che è sostenuta dall'elevato volume di precipitazioni di 1,100 millimetri all'anno nella zona. Gyrocarpus americanus e Sterculia appendiculata sono due delle specie vegetali comuni che crescono in questo habitat. Coloro che visitano le rovine di Gedi hanno anche l'opportunità di sperimentare la fauna locale della regione che comprende scimmie, antilopi da duiker, toporagno elefante dalla groppa dorata e galaghi.

Minacce e conservazione

Le rovine di Gedi fanno attualmente parte di un parco nazionale protetto in Kenya. C'è un enorme bisogno di conservare queste rovine e il suo ecosistema circostante non solo per il suo significato archeologico e storico, ma anche perché il sito offre un'importante fonte di reddito per i locali della regione dai turisti che visitano il luogo per osservare le rovine.