Cos'È Un Hotspot Di Biodiversità?

Un hotspot di biodiversità è un'area biogeografica notevole per sostenere livelli significativi di diversità biologica e minacciata da attività distruttive. Gli hotspot della biodiversità ospitano flora e fauna uniche, la maggior parte delle quali sono endemiche dell'ambiente particolare. Queste regioni sono state identificate come alcuni degli ecosistemi più importanti del mondo.

Origine del concetto

Il concetto di hotspot della biodiversità è apparso per la prima volta in un articolo scritto dallo scienziato Norman Myers in 1988. Myers, insieme ad altri ricercatori, ha elaborato e rivisto l'articolo culminando in "Hotspots: l'ecoregione terrestre biologicamente più ricca e in via di estinzione della Terra" in 1990. Affinché una regione sia riconosciuta come un hotspot per la biodiversità, deve soddisfare due criteri. Innanzitutto, 1,500 o più delle specie di piante vascolari presenti nel territorio devono essere endemiche. Le piante vascolari sono fondamentali per la sostenibilità dell'ecosistema poiché consentono la circolazione di acqua, prodotti fotosintetici e minerali. In secondo luogo, il territorio deve aver perso il 70% o più del suo habitat originale. Questa situazione si traduce nella perdita di alcune delle specie viventi della regione. Solo i territori 36 di tutto il mondo soddisfano questi requisiti e ospitano quasi il 60% della flora e della fauna del mondo.

Esempi di hotspot di biodiversità

Uno degli hotspot di biodiversità più importanti in Africa è la foresta guineana dell'Africa occidentale. Le foreste si estendono lungo la costa dell'Africa occidentale attraverso diverse nazioni tra cui la Guinea, la Sierra Leone, il Gabon, il Camerun, la Liberia, il Benin, la Guinea Equatoriale e il Ghana. Quasi dieci ecoregioni sono state identificate nel vasto ecosistema. Questo hotspot è continuamente minacciato dall'agricoltura, dall'invasione umana, dallo sviluppo urbano e dall'instabilità politica. La Foresta Atlantica in Sud America è un altro esempio di un hotspot di biodiversità. La foresta si trova lungo le coste atlantiche del Brasile, del Paraguay e dell'Argentina. Più di 11,000 le specie di flora e fauna presenti nella foresta sono minacciate mentre circa 250 specie di mammiferi, anfibi e uccelli sono stati estinti dall'attività umana. Il bacino del Mediterraneo è un altro hotspot e copre i continenti di Europa, Asia e Africa. Ospita habitat diversi che vanno da foreste, praterie, boschi, boscaglie, savana e arbusti. Le piante vascolari 22,500 sono state identificate come endemiche del territorio.

Minacce e sforzi di conservazione

Gli hotspot della biodiversità affrontano numerose minacce dalle attività umane. In molte parti del mondo, la popolazione è in aumento portando le persone a ripulire gli habitat naturali per lo sviluppo e l'insediamento agricolo. Lo sviluppo commerciale ha anche portato alla perdita e alla frammentazione degli habitat. Le infrastrutture urbane tra cui edifici, strade, ferrovie e dighe hanno alterato il paesaggio naturale in alcune parti del mondo. Il turismo urbano è diventato sempre più popolare e mette sotto pressione i fragili ecosistemi. Gli habitat di acqua dolce affrontano le loro più gravi minacce dall'inquinamento e dalla sedimentazione. La pesca eccessiva ha ridotto drasticamente le popolazioni di alcune specie ittiche in diverse parti del mondo. Le specie invasive di flora e fauna, alcune delle quali introdotte dall'uomo, hanno avuto effetti negativi sugli ecosistemi poiché competono per le risorse con le specie native. La deforestazione, gli incendi, il consumo eccessivo di specie viventi e la caccia sono altre minacce agli hotspot della biodiversità. Attualmente solo le piccole regioni della zona coperta da hotspot di biodiversità nel mondo sono protette. Alcune organizzazioni globali tra cui Conservation International, World Wide Fund for Nature, Alliance for Zero Extinction e il Critical Ecosystem Partnership Fund hanno implementato gli sforzi per conservare diversi hotspot di biodiversità.