Che Tipo Di Governo Ha Il Cile?

Storia del governo in Cile

Il Cile è stato indipendente dal dominio coloniale spagnolo da 1818 e da allora ha subito diversi cambiamenti nel governo. Prima governato da un Supremo Direttore, il paese è entrato in disordini politici e lo ha esiliato in 1823. I conservatori hanno rilevato il paese da 1830 a 1861, stabilendo un governo repubblicano autocratico e creando la Costituzione cilena di 1833. Alla fine, i liberali si ribellarono e presero il controllo da 1861 a 1891, continuando a governare sotto la Costituzione di 1833. Da 1891 a 1925, il paese era in un'epoca parlamentare in cui il Parlamento deteneva più potere del Presidente. Durante questo periodo, i membri del Parlamento erano in gran parte elite, persone che possedevano proprietà terriere. Dopo una rivolta dei cittadini della classe operaia, il paese è entrato nell'era presidenziale da 1925 fino a 1973. Durante questo periodo, la Costituzione è stata rivista per dare più potere al Presidente. In risposta a un'economia in crisi, un colpo di stato militare riuscito in 1973 ha portato il Cile in un regime militare fino a 1990, quando i cittadini hanno votato per non consentire al capo militare di eseguire un altro mandato. Un nuovo presidente e un nuovo Congresso furono eletti e il paese si trasferì in una repubblica democratica rappresentativa.

Tipo di governo in Cile

Sotto la repubblica democratica rappresentativa, il presidente se sia il capo dello stato e il capo del governo. Inoltre, il Congresso Nazionale è diviso in Camera dei Deputati e al Senato. Questo ramo del governo esercita il potere legislativo e condivide il potere esecutivo con il Presidente. Un ramo giudiziario separato svolge attività legali. In 2005, il Presidente ha emendato la Costituzione per ridurre i termini presidenziali agli anni 4 senza una rielezione immediata e per eliminare senatori e senatori nominati in tutta la vita.

Ramo esecutivo del governo del Cile

Sotto il ramo esecutivo, il Presidente è responsabile della gestione amministrativa degli affari governativi, che include l'approvazione e la dichiarazione ufficiale di nuove leggi. Il presidente nomina i governatori delle province 53 e gli Intendenti delle regioni 15. L'autorità presidenziale consente inoltre la nomina e la rimozione dei ministri di gabinetto.

Filiale legislativa del governo del Cile

Come accennato in precedenza, il Congresso Nazionale svolge gli obblighi legislativi del paese redigendo e modificando le leggi. Questo ramo funziona anche per garantire che le leggi siano eseguite dal governo. I membri sono stati eletti da un sistema di voto binomiale, che ha assegnato due seggi rappresentativi a ciascun distretto in base al partito con i voti di maggioranza e il secondo posto. Questo sistema ha tenuto due partiti al potere: la Nuova Maggioranza e l'Alleanza. Questo sistema è cambiato con il movimento di riforma elettorale di 2015. Con il nuovo sistema di voto, il numero di rappresentanti è diminuito, basando la rappresentanza sulle dimensioni della popolazione distrettuale. Questo nuovo sistema potrebbe anche aumentare il numero di senatori di un distretto e darà ai candidati di terze parti maggiori possibilità di vincere. Richiede anche che 40% di candidati sia donna.

Ramo giudiziario

Il ramo giudiziario agisce indipendentemente dai rami esecutivo e legislativo del governo. Consiste di una Corte suprema, Corte d'appello, Tribunale costituzionale e tribunali militari. La Corte Suprema è l'ultima e più alta corte della nazione. La Corte fornisce al Senato un elenco di potenziali giudici da cui il Presidente stabilisce le nomine. Il sistema legale si basa sulla legge romana, originata in Europa e basata su una serie di principi codificati. Il codice civile del Cile è stato creato in 1855 e preso in prestito dalla legge spagnola.