Perché Il Combattimento È Permesso Nell'Hockey Su Ghiaccio?

La tradizione di combattimento frequente nell'hockey su ghiaccio amatoriale e professionale è stata una parte dello sport per molti secoli e i fan lo adorano quando le persone o le squadre combattono. Contrariamente alla credenza popolare, il combattimento è punibile nel gioco anche se è tollerato. Le multe sono minori, comunemente cinque minuti fuori dal gioco. Questa situazione è diversa negli altri sport in cui il combattimento attira sospensioni, espulsioni e multe salate. La cultura della lotta nell'hockey su ghiaccio si chiama "il codice" in quanto i funzionari dicono che permette al gioco di autoinformarsi facendo pagare a qualcuno le conseguenze di fare qualcosa di male. Alcuni combattimenti sono leggeri mentre altri sono seri e portano a versare sangue e danneggiare parti del corpo. Sin dai primi 1900, i combattimenti nello sport sono andati in declino con lo sviluppo del gioco e sono state introdotte più regole per proteggere i giocatori.

Cronologia

Dall'inizio dello sport, i combattimenti sono diventati inevitabili a causa della natura competitiva dello sport, delle emozioni del giocatore e delle attrezzature utilizzate. Ci sono diverse ragioni per spiegare perché i combattimenti avvengono, inclusa la mancanza di regole durante lo sviluppo iniziale dello sport, la criminalità e la povertà nei quartieri canadesi in cui si è sviluppato lo sport. L'inclusione delle linee blu in 1918 che consentivano il passaggio in avanti nella zona neutra aumentava il gioco fisico che favoriva ulteriormente la lotta. Inoltre, l'introduzione di esecutori per proteggere i gestori di puck ha solo peggiorato la situazione. In 1922, la NHL ha introdotto "pugni", altrimenti chiamata regola 56, che ha dato una penalità di cinque minuti per combattere i giocatori piuttosto che espellerli dal gioco. A quel tempo, diversi gruppi di interesse avevano escogitato strategie di marketing incentrate sulla rivalità dei team NHL, aumentando di conseguenza l'interesse del pubblico. Tra 1920 e 1960, i combattimenti erano rari ma brutali. Inoltre, la NHL ha assistito alla firma di altri esecutori che possedevano le meno capacità di gioco per proteggere le loro abili stelle offensive. Il numero di combattimenti aumentò negli 1980 e le squadre risposero firmando più esecutori, comunque dagli 1990 in poi, combattendo ridotti man mano che i team andavano per abilità e capacità di pattinaggio che vedevano una riduzione del numero di esecutori e un aumento del numero di giovani Giocatori.

Cause di lotte e ruolo degli esecutori

Il combattimento è una conseguenza di diverse situazioni legate al gioco, tra cui ritorsioni, deterrenza, intimidazione, protezione dei giocatori e creazione di slancio. Altre ragioni possono essere personali come il cattivo sangue tra giocatori, la vendetta o anche il bisogno di un difensore di mantenere il suo lavoro. Gli Enforcers non hanno alcun ruolo ufficiale, ma giocano in turni come tutti gli altri giocatori, tuttavia, il loro ruolo principale è quello di impedire ai giocatori avversari di non giocare duro. Inoltre, scoraggiano il gioco fisico eccessivo da parte dei "parassiti" della squadra avversaria e prendono il nome di "goons".

Regole di combattimento

Dal momento che il combattimento è inevitabile, regole specifiche guidano lo sport per garantire la sicurezza dei giocatori. Per i principianti, all'inizio di un combattimento, entrambi i giocatori devono lasciare cadere i loro bastoni che altrimenti potrebbero essere armi e rimuovere i loro guanti di cuoio e di plastica che potrebbero aumentare le lesioni. I giocatori non discutono mai le regole ma le prendono seriamente, specialmente l'etichetta. Per iniziare una battaglia, il difensore avversario deve accettare un combattimento verbalmente o fisicamente, e quindi un difensore può facilmente evitare la penalità di istigatore, escludendo anche i combattenti non disposti. Gli esecutori si combattono e si rispettano l'un l'altro in misura tale da non combattere un difensore involontario o ferito. Combattere un difensore ferito colpisce l'ego di uno scagnozzo, e così sta combattendo un esecutore che sta per finire il suo turno perché è stanco. I combattenti tengono anche la maglia dell'avversario e combattono con una mano per mantenere l'equilibrio sul ghiaccio.

I giocatori nella lotta devono perdere o vincere con grazia, altrimenti, potrebbero perdere il rispetto dei fan e dei compagni di squadra. Infine, non si deve combattere o ferire arbitri o guardalinee o iniziare una lotta contro un avversario che ha segnato in modo equo. Per prevenire i combattimenti, i funzionari dovrebbero anche guidare il gioco in modo equo chiamando tutti i falli. Quando scoppia uno scontro, i funzionari comunicano tra di loro su quale giocatore prenderà mentre cancella tutti i bastoni e gli oggetti pericolosi e separa il combattimento solo quando è sicuro, tuttavia, devono immediatamente separare uno scontro una volta che un giocatore ottiene un vantaggio significativo sull'altro. Per tutto questo tempo, l'arbitro dovrebbe registrare sul pad antisommossa chi deve dare una penalità. Una volta che gli arbitri li separano, il combattimento deve terminare e il mancato rispetto di queste regole comporta una penalità di cattiva condotta, sospensione o persino multe sul giocatore e talvolta sull'allenatore. Queste regole e penalità variano leggermente con la lega e la competizione.

Rifiuta nel combattere le incidenze

I fattori che hanno portato a una riduzione dei combattimenti includono la sostituzione dei "pugni" con la Regola 46 che conferisce maggiore potere agli arbitri e la creazione della regola "Terzo uomo" che mira a eliminare la rissa da banco eliminando l'espulsione di un giocatore che si unisce a un lotta già in corso. C'è anche una regola per sospendere il primo giocatore di ogni squadra che si unisce a una rissa dalla panchina quando non gioca. A partire da 1992, la NHL ha introdotto la "Regola degli istigatori" che dà all'avversario una penalità aggiuntiva di due minuti.

Combattere alle Olimpiadi

Il combattimento non è consentito nell'hockey olimpico, con il combattente in partenza che riceve una penalità e l'espulsione. Altri giocatori possono ricevere penalità minori per rappresaglia, penalità di cattiva condotta in gioco per intervenire in una rissa, o condanne scorrette per la rimozione di guanti durante un combattimento. Inoltre, i giochi che continuano a combattere una volta che gli è stato detto di fermarsi dai funzionari possono portare a una doppia penalità minore, a una penalità maggiore ea una penalità di cattiva condotta o penalità di partita.