Qual Era La Cortina Di Ferro?

Durante il periodo della Guerra Fredda, la maggior parte degli oratori geopolitici usava comunemente il termine "Guerra Fredda" che definiva differenze e confini militari, fisici e ideologici che separavano i paesi appartenenti al Patto di Varsavia nell'Europa orientale, altrimenti chiamati Blocco Orientale, e il resto, altrimenti chiamato The West. La cortina di ferro separò il blocco orientale e l'occidente dalla seconda guerra mondiale fino alla fine della guerra fredda, rappresentando il tentativo dell'Unione Sovietica di proteggersi e alleati da un contatto diretto con l'Occidente, in particolare i membri della NATO. Questo tentativo mirava a preservare le sue culture e ideologie dall'influenza occidentale. A quel tempo, l'Europa aveva tre divisioni in particolare; i paesi alleati e neutrali statunitensi situati ad ovest della cortina di ferro, e i paesi alleati dell'URSS ad est del sipario. Il simbolo più notevole della cortina di ferro era il muro di Berlino.

Importanza della cortina di ferro nella storia

L'URSS ha rigorosamente utilizzato il limite effettivo e ideologico della cortina di ferro per mantenere il proprio popolo all'interno del proprio controllo ideologico preferito e dell'area fisica. In effetti, i critici hanno descritto la situazione come un tentativo da parte dell'URSS di limitare i suoi membri all'unica ideologia comunista, limitare il comunismo nel suo territorio e tenere fuori il capitalismo e le persone dall'occidente capitalista. L'Occidente, tuttavia, considerava il sipario un colossale fallimento delle politiche e teorie economiche del comando dell'URSS. Storicamente, la cortina di ferro si riferiva alle tende di sicurezza ignifughe del XIX secolo utilizzate nei teatri per proteggere le persone dai frequenti incendi, sebbene la terminologia fosse in gran parte sconosciuta fino a quando l'ex primo ministro britannico Winston Churchill lo rese popolare.

Uso storico del termine "cortina di ferro"

Il termine cortina di ferro è più vecchio del suo uso conosciuto. Durante il Talmud babilonese del terzo e del quinto secolo, la cortina di ferro si riferiva al popolo di Israele che credeva e affermava che anche una cortina di ferro non poteva separarli da Dio. Ulteriori analisi storiche mostrano diversi usi metaforici del termine che si riferisce ai confini geografici chiusi e alla fine delle dinastie. Ad oggi, le persone usano il termine per riferirsi a situazioni diverse, ma questo testo cita solo il suo uso politico. Nel suo romanzo 1985, I tre impostori, L'autore britannico Arthur Machen ha usato poeticamente il termine per predire la fine di un'era mentre Elisabetta di Baviera, regina del Belgio, ha descritto la relazione politica 1914 tra la Germania e il suo paese come una cortina di ferro. Dopo il suo riferimento, il termine usato è aumentato durante la guerra in riferimento alla situazione nell'URSS.

In 1918, lo scrittore Vasily Rozanov L'Apocalisse dei nostri tempi descrisse una cortina di ferro che si abbassava sulla Russia che, secondo lui, avrebbe causato la diminuzione delle fortune del paese. In 1920, il libro di Ethel Snowden Attraverso la Russia bolscevica scrisse di "una barriera impenetrabile" in cui criticava il comunismo bolscevico che racchiudeva la Russia bolscevica.

Il libro 1940 di Sebastian Haffner, Germania: Jekyll & Hyde, ha citato "... un attimo prima che venisse appoggiata la cortina di ferro, è apparso il palcoscenico politico tedesco?" che descrive l'ascesa al potere del nazista. Douglas Reed's Disonora abbondante Usò una metafora per suggerire che una cortina di sicurezza di ferro nascondesse il conflitto jugoslavo tra i federalisti croati e gli unionisti serbi. Winston Churchill ha reso famoso il termine in riferimento all'ideologia 1945 e 1946 dell'URSS, specialmente le occorrenze negli stati satellite sotto il controllo russo che erano un segreto per il resto del mondo. Il suo primo uso ufficiale fu in un telegramma per l'allora presidente degli Stati Uniti Harry S. Truman e successivamente in diversi discorsi tenuti in Europa e negli Stati Uniti. Dopo l'uso di Churchill, il termine divenne popolare e i leader dell'URSS a quel tempo interpretarono il discorso come una dichiarazione di guerra.

Durante la guerra fredda

L'antagonismo della cortina di ferro tra l'Occidente e l'Unione Sovietica aveva origini e angoli diversi. Innanzitutto, in 1939, l'URSS ha negoziato con i gruppi filo-britannici-francesi e la Germania nazista accordi militari e politici che hanno portato alla firma dell'Accordo commerciale tedesco-sovietico e del Patto Molotov-Ribbentrop che aveva un accordo nascosto che cercava di dividere e controllare l'Europa orientale e la Polonia tra i due paesi. Nell'operazione, l'Unione Sovietica ottenne la Polonia, la Lituania, la Lettonia, la Finlandia orientale, la Romania settentrionale e l'Estonia, influenzando di conseguenza i rapporti dell'URSS con l'Occidente. L'accordo nazista sovietico finì in 1941 dopo che la Germania lanciò l'operazione Barbarossa. In seguito, Joseph Stalin usò gli stati pro-sovietici in un blocco orientale come cuscinetto contro la Germania, di conseguenza, la Conferenza di Potsdam assegnò gli stati cuscinetto (Romania, Germania, Finlandia, Balcani e parti della Polonia) al controllo sovietico dopo che Stalin promise di permetterebbe agli stati il ​​diritto all'autodeterminazione nazionale. L'Occidente non amava questo accordo.

Territori sovietici

A parte la Germania occidentale, la Svizzera, il Liechtenstein e l'Austria, alcune parti dell'Europa centrale e gran parte dell'Europa orientale passarono sotto l'Unione Sovietica che in seguito annesse anche Estonia, Lettonia, Polonia orientale, Finlandia orientale, Romania settentrionale, Kaliningrad Oblast e Lituania come sovietiche Repubbliche socialiste sotto l'URSS. Fino all'1949, l'URSS aveva convertito la Repubblica democratica tedesca, la Repubblica popolare di Bulgaria, la Repubblica popolare di Polonia, la Repubblica popolare ungherese, la Repubblica socialista cecoslovacca, la Repubblica popolare di Romania e la Repubblica socialista popolare di Albania in Unione Sovietica stati satelliti.

Ad ovest della cortina di ferro

A ovest della cortina di ferro c'erano stati dell'Europa occidentale, settentrionale e meridionale insieme a Austria, Liechtenstein, Germania occidentale e Svizzera che praticavano la democrazia e alcuni collaborarono con gli Stati Uniti e la NATO.

Mappa dell'Europa che mostra la cortina di ferro che divide l'est dall'ovest. Credito di redazione: shutterstock.com.

restrizioni

Emigrazione: L'accordo principale della Conferenza di Yalta era che l'Occidente avrebbe restituito tutti i cittadini sovietici che, in un modo o nell'altro, si trovavano nei loro territori, di conseguenza, questo accordo colpiva i prigionieri di guerra sovietici liberati, i rifugiati anti-comunisti e gli anti - Collaboratori sovietici. In secondo luogo, la migrazione da Est a Ovest è diminuita e alla fine si è interrotta in 1950 mettendo fine ai cinque anni di migrazione di massa dei tedeschi etnici verso l'Occidente.

Economico: In generale, c'erano pochissime interazioni economiche dirette tra le parti in conflitto della cortina di ferro poiché il movimento di persone e merci era minimo.

La caduta della cortina di ferro

La cortina di ferro portò la stagnazione economica e politica, specialmente nel blocco orientale che portò alla diminuzione dell'influenza e degli interventi dell'Unione Sovietica nella regione. Uno dopo l'altro, i sovietici abbracciarono l'apertura e la ristrutturazione economica che culminarono nella rivoluzione 1989 nel blocco orientale. La Polonia ha aperto la strada eleggendo politici anticomunisti che hanno innescato pacifiche rivoluzioni anticomuniste che hanno portato alla caduta del comunismo. Nello stesso anno, più di 600 tedeschi dell'Est che frequentavano il "Picnic paneuropeo" fuggirono in Austria. Altri eventi includono l'adozione da parte dell'Ungheria di multipartitismo e la sua repubblica, movimenti di massa verso ovest vicino al Muro di Berlino, la Rivoluzione di velluto in Cecoslovacchia, l'allontanamento di diversi leader nel blocco orientale e lo smantellamento del Muro di Berlino da parte della Germania dell'Est.

Monumenti di cortina di ferro

Ci sono diversi monumenti della cortina di ferro in Europa che spiegano la storia e il significato del confine. Il primo è nella Repubblica Ceca a pochi metri dal confine originale e conserva una torre di guardia originale. Un secondo monumento si trova a Fertőrákos, in Ungheria, dove si trova il Picnic paneuropeo e contiene alcuni nomi dei partecipanti con la scritta "Unità in questioni inevitabili - libertà in questioni incerte - amore in tutte le cose". Ci sono molti altri monumenti e musei in Europa che danno i ricordi della cortina di ferro.