Dove Si Forma La Maggior Parte Dei Vulcani?

I vulcani non sono equamente distribuiti e tendono ad essere altamente concentrati in alcune aree e assenti nella maggior parte delle aree del mondo. Ad esempio, 75% dei mondi vulcanici attivi e dormienti (452 per la precisione) si trova intorno all'anello di fuoco del Pacifico. Tuttavia, questo anello di fuoco che si estende dal Sud America attraverso il Nord America all'Asia è inferiore al 1% dell'area totale della Terra. Le ragioni di questa distribuzione distorta sono strettamente correlate alla forma dei vulcani. Un vulcano è formato da roccia calda (magma), cenere e altri detriti caldi che scorrono verso la superficie (crosta) dal mantello. I flussi di lava (che sono il magma caldo che viene in superficie) sono possibili perché l'interno della terra è dinamico. L'interno della terra è formato da diverse placche tettoniche che si muovono sempre in relazione l'una con l'altra. I vulcani sono comuni nelle aree in cui i piatti entrano in contatto l'uno con l'altro. Le aree, dove le placche tettoniche entrano in contatto, sono chiamate confini. I geologi classificano i confini come confini di placche tettoniche convergenti o confini di placche tettoniche divergenti

Confini di piastre convergenti

I confini convergenti, chiamati anche zone di subduzione, sono aree in cui una placca tettonica oceanica o continentale passa sotto un'altra piastra. Questo esercita un'enorme pressione sulle aree in contatto che portano alla fusione delle rocce e alle sostanze volatili come l'acqua che viene convertita in gas. A causa dell'estremo del calore e della pressione, l'attività vulcanica è frequente e diffusa in queste aree. La parte orientale dell'anello di fuoco è il risultato della subduzione di Cocos e Nazca Plates sotto il piatto sudamericano. La parte occidentale dell'anello è dovuta alla lastra Juan de Fuca e alla placca del Pacifico che sono subdotte sotto la placca nordamericana.

Divergenti confini delle placche tettoniche

I confini divergenti, chiamati anche confini estensionali, sono aree in cui le placche si allontanano l'una dall'altra. Il movimento crea lacune e il magma può facilmente raggiungere la superficie che porta all'attività vulcanica. Il movimento è anche la ragione dietro ai vulcani della Rift Africa orientale, al bacino sud-occidentale degli Stati Uniti, alla provincia di Range (New Mexico e Nevada) e alle dorsali oceaniche.

Hot spot vulcanici

Il punto caldo vulcanico crea un'area in grado di formare vulcani. Per motivi non chiari, alcune aree del mantello denominate piume, diventano molto più calde del resto del mantello. Il pennacchio si solleva verso la superficie, e dove trova una debolezza nella crosta, fluisce conducendo a un'effusione di lava formando così vulcani. Non c'è alcun modello nella distribuzione dei pennacchi, quindi la distribuzione del vulcano hotspot è casuale. Tali vulcani comprendono Hawaii e il Parco di Yellowstone.

Formazione di vulcani

La natura dinamica dell'interno della terra è responsabile della formazione, quindi della distribuzione dei vulcani. La maggior parte dei vulcani è causata da placche tettoniche che si spingono l'una contro l'altra nelle aree in cui due o più placche si incontrano. Si formano meno vulcani dove le placche si allontanano l'una dall'altra portando la crosta a diventare più sottile del solito. Il tipo più raro di vulcani è formato da zone di calore insolitamente alte nel mantello che spingono contro la crosta e infine scoppiano.