Parco Nazionale Dei Laghi Di Plitvice, Croazia

5. Descrizione

Il parco nazionale dei laghi di Plitvice, uno dei più antichi parchi nazionali dell'Europa sud-orientale e il più grande della Croazia, occupa un'area di 296.85 chilometri quadrati nella regione montuosa carsica centrale della Croazia. Il parco ha raggiunto il suo status di parco nazionale in 1949 e in 1979 è stato dichiarato patrimonio mondiale dell'UNESCO. Il parco nazionale condivide il suo territorio con la contea di Karlovac e la contea di Lika-Senj in Croazia. La caratteristica più distintiva dei parchi nazionali dei Laghi di Plitvice è la serie di laghi a cascata 16, ciascuno con il suo colore unico a seconda della composizione minerale e organismica dei laghi. I laghi, formati alla confluenza di piccoli fiumi, torrenti e fiumi carsici sotterranei, sono tutti collegati tra loro e si trovano a quote diverse con il lago più basso che forma il fiume Korana. I confini tra i laghi sono formati da dighe naturali costituite da calcare di travertino.

Inoltre, Laghi di Plitvice è la nostra lista dei luoghi più belli del mondo!

4. Ruolo storico

L'area all'interno e intorno al Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice è stata testimone di una lunga storia di insediamenti umani, guerre, evoluzione culturale e sviluppi antropogenici. Di tanto in tanto, il controllo dell'area ha spostato le mani tra Romani, Ottomani, Illiri e altri. Durante questi periodi, la conservazione dell'habitat naturale del parco era molto limitata. Fu solo nel 19esimo secolo quando vennero stabilite le prime strutture turistiche nell'area che emersero i pensieri di conservare la bellezza naturale dell'area. Seguirono diversi decenni di lotta quando gli ambientalisti cercarono di ragionare con le autorità interessate sulla necessità di conservare il parco. Fu solo dopo la seconda guerra mondiale che l'importanza dell'area fu realizzata e infine, in 1949, si guadagnò lo status di parco nazionale.

3. Istruzione e turismo

Il Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice è molto popolare come punto di riferimento turistico globale e circa 1.1 milioni di turisti visitano il parco ogni anno. Gli aeroporti più vicini al parco si trovano a Rijeka, Zara e Zagabria, mentre le stazioni ferroviarie più vicine si trovano a Plaski e Josipdol. Gli autobus da queste città e città possono trasportare i turisti nel parco nazionale. Al parco, escursioni e passeggiate sono le due attività principali da godere. Questo permette ai turisti di intravedere la flora e la fauna uniche del parco e anche osservare alcune spettacolari cascate, grotte, laghi e altri siti naturali nel parco.

2. Habitat e Biodiversità

Il Parco nazionale dei laghi di Plitvice ha una temperatura media annuale di 7.9 ° Celsius. Le temperature salgono a 17.4 ° Celsius nei mesi estivi di luglio e agosto. Le piogge sono più alte durante la primavera e l'autunno e il tasso medio annuo di precipitazioni è di 1,500 millimetri. Delle specie 109 di piante che crescono in questo parco nazionale, 75 sono endemiche del parco. Oltre al faggio, l'abete e l'abete rosso si trovano anche le specie di orchidee 55. La fauna in questo parco è anche altamente biodiversa. I mammiferi che popolano le foreste includono linci, lupi, gatti selvatici e orsi bruni. Nel parco nazionale è possibile avvistare anche la fauna avicola come l'aquila reale, il gallo cedrone, i gufi reali e i molluschi bianchi. Il Parco nazionale dei laghi di Plitvice ospita anche un'incredibile varietà di farfalle e falene, specie 12 di anfibi, lucertole, serpenti, pipistrelli e pesci.

1. Minacce ambientali e controversie territoriali

Negli 1990, in seguito al crollo della Jugoslavia durante la Guerra per l'indipendenza della Croazia, il Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice ha subito notevoli effetti negativi quando le autorità del parco sono state costrette ad abbandonare il parco a causa dei crescenti disordini civili nella regione. Ciò ha portato alla collocazione del parco nella lista dei pericoli del patrimonio mondiale di 1992. Tuttavia, dopo che le situazioni in Croazia hanno iniziato a normalizzarsi, le autorità hanno iniziato a tornare indietro e da 1997, e il parco è stato rimosso dalla lista dei pericoli. Oggi, i dipendenti del parco nazionale stanno cercando di mantenere le sue condizioni originarie adottando misure severe per la conservazione del parco. Le attività turistiche sostenibili sono state incoraggiate a sostituire l'economia locale sulla base delle attività distruttive di registrazione. All'interno del parco, ponti di legno e sentieri escursionistici sono l'unico mezzo di comunicazione tra luoghi e veicoli inquinanti non sono ammessi. Qui caccia, pesca e turismo indipendente sono vietati. La navigazione è consentita solo in uno dei laghi del parco per proteggere gli altri dalla contaminazione. Le autorità del parco nazionale prendono quindi tutte le misure per garantire che il parco nazionale rimanga nel suo stato più naturale con minima interferenza umana.