Paesi Più Poveri In Europa

Più di 731 milioni di persone che vivono in 48 diversi paesi fanno parte dell'economia europea. Sebbene la ricchezza delle nazioni europee sia molto variabile, anche i paesi più poveri d'Europa sono ben al di sopra dei paesi più poveri dell'Africa, dell'Asia e del Sud America. I paesi più poveri d'Europa sono di solito quelli che sono stati gravemente colpiti dalla caduta dell'Unione Sovietica. Mentre la maggior parte dei paesi europei è molto sviluppata e ha un PIL pro capite più alto della media mondiale, alcune nazioni hanno ancora bisogno di prestazioni straordinarie per raggiungere questi leader europei. Qui presentiamo alcuni dei paesi più poveri in Europa e lo stato delle loro economie.

10. Bulgaria -

La Bulgaria è un paese situato nell'Europa sud-orientale. La nazione condivide le sue frontiere terrestri con Romania, Serbia, Macedonia, Grecia e Turchia. Il Mar Nero si trova ad est del paese. L'economia bulgara ha subito una battuta d'arresto negli 1990 dopo la perdita del mercato Comecon e sovietico. I tentativi di istituire un governo democratico e un'economia di libero mercato nel paese hanno ulteriormente destabilizzato l'economia della Bulgaria. Il tenore di vita nel paese è diminuito del 40% e ha iniziato il recupero solo dopo 1998. Entro giugno 2004, l'economia della Bulgaria aveva riacquistato i livelli pre-in1989. Tuttavia, la grande recessione di 2008 ha colpito gravemente l'economia e in 5.5 si è verificato un declino economico dell'2009%. Da allora, tuttavia, il paese si è ripreso meglio della maggior parte dei paesi balcanici, ma la crescita dell'economia della Bulgaria continua a essere debole.

9. Montenegro -

Il Montenegro è una nazione dell'Europa sud-orientale che condivide i suoi confini con la Croazia, la Bosnia ed Erzegovina, il Kosovo, la Serbia e l'Albania. Ha anche una costa sul mare Adriatico. Il PIL pro capite del Montenegro era solo 41% della media dell'Unione europea in 2010 secondo Eurostat. L'impatto delle guerre iugoslave e il declino dell'industria a seguito dello smembramento della Jugoslavia, accompagnato dalla perdita delle sanzioni finanziarie delle Nazioni Unite, hanno influito negativamente sull'economia del Montenegro. In 2009, il PIL nominale del paese era $ 4.114 miliardi di USD. L'economia del Montenegro era in uno stato di crescita costante fino alla recessione globale di 2008 che ha colpito gravemente il paese. La situazione ha portato alla contrazione del PIL del paese di 4%. Tuttavia, le cose sono migliorate negli ultimi anni e l'economia del Montenegro si sta gradualmente riprendendo.

8. Bielorussia -

La Bielorussia è una nazione senza sbocco sul mare dell'Europa orientale, confinante con Polonia, Ucraina, Lituania e Lettonia. Più del 40% della superficie della Bielorussia è coperta da foreste. Le industrie e la produzione sono i settori economici più forti del paese. La Bielorussia colloca 8th tra i paesi più poveri d'Europa. Come molte altre ex repubbliche sovietiche, la Bielorussia ha affrontato una crisi economica dopo la caduta dell'Unione Sovietica e il governo della Bielorussia indipendente ha quindi adottato un modo per superare la crisi. Precedentemente, la Bielorussia aveva un'economia ben sviluppata e uno dei più alti standard di vita tra le repubbliche sovietiche. Tuttavia, tra 1991 e 1995, una profonda crisi economica ha attirato l'intero paese. La diminuzione delle importazioni, degli investimenti e della domanda ha portato a un calo della produzione industriale nel paese. Non è stato fino a 1996 che il PIL del paese ha iniziato a recuperare.

7. Serbia -

La Serbia si trova in una posizione intermedia tra il Sud-est e l'Europa centrale. La nazione senza sbocchi sul mare condivide i suoi confini con Romania, Ungheria, Macedonia, Bulgaria, Montenegro, Croazia e Bosnia-Erzegovina. L'economia della Serbia è stata gravemente colpita dalla crisi economica globale di 2008. Dopo aver vissuto otto anni di forte crescita economica, l'economia del paese è entrata in un periodo di recessione in 2009. I tassi di crescita negativi di -3% in 2009 e -1.5% in 2012 sono il risultato di questa crisi economica e il debito pubblico della Serbia è raddoppiato in 4 da 29.2% del PIL prima della crisi a 63.8% del PIL dopo di esso.

6. Repubblica di Macedonia -

La Macedonia, un paese dell'Europa sud-orientale, è uno dei paesi più poveri d'Europa. Il paese ha guadagnato la sua indipendenza in 1991 come uno degli stati successori dell'ex Jugoslavia. La Macedonia è una nazione senza sbocco sul mare che confina con Serbia, Bulgaria, Grecia e Albania. Dall'indipendenza, il paese ha subito una drammatica riforma economica. Il paese ha gradualmente migliorato la sua economia nel corso degli anni con politiche di successo attuate dal governo. La Macedonia ha un'economia aperta in cui il commercio rappresenta 90% del PIL negli ultimi anni. Tuttavia, nonostante le riforme, il paese ha un alto tasso di disoccupazione di 27.3% a partire da 2015 e un alto tasso di povertà. 72% delle persone del paese ha riferito di gestire i loro standard di vita con difficoltà.

5. Bosnia Erzegovina -

La Bosnia ed Erzegovina nell'Europa sud-orientale si trova nella penisola balcanica. Il paese confina con Serbia, Croazia e Montenegro. Condivide anche una costa con il mare Adriatico. La Bosnia affronta la duplice sfida di ricostruire il paese dilaniato dalla guerra e recuperare l'economia, una delle più povere d'Europa. Sebbene il paese fosse un tempo prospero, i disordini politici negli 1990 portarono a un cambiamento radicale nell'economia della Bosnia. Il PIL del paese è diminuito del 60% durante questo periodo e la distruzione delle infrastrutture fisiche del paese ha devastato la sua economia. Sebbene l'economia della Bosnia-Erzegovina si sia gradualmente ripresa, un ampio deficit commerciale e un alto tasso di disoccupazione di 38.7% sono motivo di preoccupazione.

4. Albania -

L'Albania è una nazione dell'Europa sud-orientale che confina con Kosovo, Repubblica di Macedonia, Grecia e Montenegro. Ha anche una costa sul Mar Ionio e sul mare Adriatico. Sebbene l'Albania sia uno dei paesi più poveri d'Europa, l'economia del paese è in costante miglioramento. Sin dai primi 1990, l'economia del paese ha subito un importante passaggio da un principio comunista basato a un'economia di mercato aperto. Le ricche risorse naturali del paese hanno promosso il rapido sviluppo economico.

3. Kosovo -

Il Kosovo è al terzo posto tra i paesi più poveri d'Europa. Il paese è una regione senza sbocco sul mare situata nella penisola balcanica centrale. È un territorio conteso e uno stato parzialmente riconosciuto. Il Kosovo ha un'economia di transizione ed era la provincia più povera dell'ex Jugoslavia. Durante gli 1990, una serie di scarse riforme economiche, l'abolizione delle istituzioni autonome, l'accesso ridotto al commercio estero e la finanza hanno gravemente danneggiato la già debole economia del Kosovo. Dopo la dichiarazione di indipendenza di 2008, l'economia del Kosovo ha mostrato un graduale miglioramento, ma lo stato controverso della regione rappresenta ancora un ostacolo alla rapida crescita economica. Tuttavia, un forte sistema bancario e bassi livelli di debito e passività economici sono i punti di forza dell'economia del Kosovo.

2. Ucraina -

L'Ucraina è uno stato sovrano dell'Europa orientale che è attualmente in conflitto territoriale con la Russia. In 2014, la Russia ha annesso la penisola di Crimea che l'Ucraina e la più grande sezione della comunità internazionale riconoscono come parte del territorio ucraino. Sebbene l'economia ucraina fosse la seconda più grande dell'Unione Sovietica, dopo la dissoluzione dell'unione, l'Ucraina indipendente ha compiuto una transizione importante da un'economia pianificata a un'economia di mercato che ha fatto precipitare una parte importante del paese in povertà. L'economia dell'Ucraina ha subito forti contrazioni e le persone nel paese hanno faticato a vivere. Gli ucraini nelle aree rurali coltivavano il proprio cibo e lavoravano in più di un lavoro per guadagnare un reddito che garantisse la sopravvivenza. L'inflazione ha attanagliato il paese e in 1993, l'Ucraina è diventata il detentore del record mondiale dell'inflazione nell'anno solare 1. Con 1999, il PIL dell'Ucraina è sceso a meno del 40% di quello che era in 1991. L'economia sofferente è stata nuovamente colpita dalla crisi economica di 2008. Da allora, l'economia è migliorata, ma anche in 2014, il PIL dell'Ucraina non ha ancora raggiunto il massimo storico. La corruzione, la burocrazia burocratica, le infrastrutture sottosviluppate e il trasporto sono alcuni dei problemi prevalenti nel paese. Nonostante questi problemi, l'Ucraina è riuscita a ridurre la povertà assoluta e il suo tasso di povertà è diminuito da 11.9% in 2000 a 2.3% in 2012.

1. Moldavia -

La Moldavia è una nazione senza sbocco sul mare dell'Europa orientale confinante con Ucraina e Romania. Chişinău è la capitale del paese. La Moldavia è il paese più povero d'Europa. Il paese ha subito una grave battuta d'arresto economica dopo la disgregazione dell'URSS. In un clima di incertezza politica e di scarsa capacità amministrativa, l'economia moldava ha dovuto affrontare carenze energetiche e ostacoli commerciali. L'obiettivo principale del nuovo governo moldavo era quindi quello di stabilizzare l'economia e recuperare lo stato finanziario del paese. Il governo ha introdotto la valuta convertibile, i tassi di interesse e i prezzi liberalizzati, ha sostenuto la costante privatizzazione delle terre, ha rimosso i controlli sulle esportazioni e ha sostenuto la privatizzazione delle terre per raggiungere questo obiettivo. Con l'attuazione di nuove politiche, l'economia moldava ha mostrato una crescita e una ripresa costanti.

I paesi più poveri in Europa

GradoStatoPIL pro capite (corrente US $), 2015
1Moldavia1,843.2
2Ucraina2,115.0
3Kosovo3,553.4
4Albania3,965.0
5Bosnia-Erzegovina4,197.8
6Repubblica di Macedonia4,852.7
7Serbia5,143.9
8Bielorussia5,740.5
9Montenegro6,415.0
10Bulgaria6,819.9