Alexander Lukashenko - Primo Presidente Della Bielorussia

Alexander Lukashenko è stato Presidente della Repubblica di Bielorussia da 1994, venendo al potere in seguito alla scissione del paese dall'ex Unione Sovietica in 1991. È l'unico deputato che ha votato contro la separazione della nazione dall'Unione e sta gravitando verso le politiche sovietiche. Conserva ancora la maggior parte delle politiche note per l'unione crollata, come la proprietà statale delle industrie chiave, tra le altre. Il suo regime è stato in conflitto con le potenze occidentali per le accuse di violazione dei diritti umani e mancanza di democrazia. Insieme ad alcuni alti funzionari nel suo governo, è stato oggetto di sanzioni da parte dell'Unione europea (UE) e degli Stati Uniti.

5. Vita e formazione -

Alexander Lukashenko è nato ad agosto 30th, 1954 a Kopys in quella che ora è la regione settentrionale della Bielorussia, vicino al confine russo. Sua madre era celibe portando a provocazioni dai suoi compagni di scuola per avere una madre non sposata. Si è diplomato all'Istituto pedagogico di Mogilevev in 1975 e successivamente all'Accademia agraria bielorussa di 1985. Ha servito come guardia di frontiera per due anni a partire da 1975 a 1977. In seguito servì nell'esercito come ufficiale nella divisione con sede a Minsk. Dopo aver lasciato l'esercito, ha prestato servizio come ufficiale nella fattoria statale e in seguito è diventato il leader generale.

4. Ascesa al potere -

Essendo stato eletto nel parlamento bielorusso, si è guadagnato la reputazione di strenuo crociato contro la corruzione dello stato. Ha anche menzionato alcuni alti funzionari statali incluso il Primo Ministro per aver commesso atti di corruzione. Nelle elezioni che si sono svolte a giugno 23rd e luglio 10th, è riuscito a vincere le elezioni nel secondo turno ricevendo più del 80.1% dei voti.

3. Contributi alla Bielorussia nell'era sovietica e post-sovietica -

Il suo governo ha lavorato in modo coerente nonostante le sfide prevalenti per affrontare il problema nazionale della disoccupazione in Bielorussia. Alla fine di 2011, il tasso di disoccupazione era pari a 0.6%, in calo rispetto a 2.9% all'inizio di 1993. Il suo governo è anche riuscito ad aumentare il reddito annuo pro capite del lavoratore medio bielorusso da $ 1,423 quando è entrato in $ 5,830 in 2011.

2. Sfide -

L'economia del paese ha faticato a causa dell'incertezza della sua valuta. Il valore del rublo bielorusso è stato in uno stato di caduta libera per anni, portando ad essere ancorato alle principali valute internazionali come l'euro e il dollaro USA. Nonostante ciò, ha dovuto subire una svalutazione in 2011 per rendere i prodotti del paese competitivi sul mercato internazionale. Il paese sotto la sua guida è stato anche destinatario di aiuti finanziari dalla Cina e da altre istituzioni finanziarie internazionali. L'aiuto che ottiene dal Fondo monetario internazionale (FMI) e dalla Banca mondiale dipende in gran parte dalle riforme che svolge a livello nazionale.

1. Percezioni in casa e all'estero -

Il paese ha avuto rapporti poveri con l'UE e gli Stati Uniti. Le polemiche politiche di Lukashenko hanno anche portato a chiamarlo "l'ultimo dittatore europeo". Il suo governo ha represso gli oppositori a volte arrestando e imprigionando arbitrariamente. È diventato soggetto a sanzioni in tempi diversi dall'anno 2006. I suoi avversari lo hanno anche accusato di usare il macchinario statale per sostenere le sue campagne. Ha modificato in modo radicale la costituzione dello stato per permettergli di avere un maggiore controllo sul parlamento. A volte gli Stati Uniti volevano assistere i gruppi di opposizione approvando la legge sulla democrazia bielorussa. Tuttavia, i sostenitori sostengono che il suo governo autoritario ha aiutato la Bielorussia a evitare le turbolenze testimoniate in altri ex membri dell'Unione Sovietica.