Fatti Emu: Animali Dell'Oceania

Descrizione fisica

The Emu (Dromaius novaehollandiae) è il secondo uccello più grande del mondo, con altezze degli adulti che vanno da 4.9 a 6.2 (150-190 centimetri) e le lunghezze da becco a coda comprese tra 4.6 e 5.4 feet (139-164 centimetri). Le femmine di questa specie sono generalmente più grandi dei maschi. L'apparenza arruffata dell'uccello è dovuta alle sue piume marroni a doppio filamento. Gli Emù sono uccelli incapaci di volare con una piccola apertura alare e una struttura di piume che non favorisce il volo. L'unico scopo delle ali e delle penne vestigiali è quindi quello di fornire isolamento dalle condizioni meteorologiche estreme. I loro piedi possiedono tre dita con piccoli cuscinetti sotto di loro per aiutare a correre su terreni accidentati. Le loro lunghe gambe e la muscolatura degli arti pelvici altamente sviluppata consentono loro di correre a velocità estremamente elevate, che possono raggiungere anche le miglia 30 all'ora (48 chilometri all'ora). Questa agilità, insieme ai loro artigli affilati, alla vista e alle capacità uditive, consente agli uccelli di difendersi efficacemente. Il corpo dell'emù è ricoperto da un piumaggio grigio-marrone, con il colore blu pallido della pelle che spunta attraverso la regione del collo.

Dieta

Le emù hanno un regime alimentare onnivoro, costituito da cibi vegetali come fiori, semi e frutti, oltre che da insetti. Una grande varietà di insetti come cavallette, coleotteri, bruchi, grilli, falene e formiche sono tutti consumati da emù. Come gli struzzi, anche gli emù inghiottono pietre e ciottoli per favorire la digestione. Un emù può ingoiare pietre fino a 1.6 once (45 grammi) e può contenere fino a 1.5 sterline (700 grammi) di pietra nel loro sistema digestivo in qualsiasi momento. Quando sono in cattività, è stato osservato che questi uccelli inghiottiscono biglie, dadi, bulloni, gioielli e altri oggetti insoliti. Emus preferisce vivere in regioni con acqua e cibo sufficienti e percorrerà lunghe distanze, fino a 7.5 a miglia 9.3 (12-15 chilometri) al giorno, quando le risorse alimentari scarseggiano.

Habitat e Range

Le emù si verificano in tutta l'Australia continentale attraverso una grande varietà di habitat, che vanno dalle regioni costiere alle zone di alta quota. Preferiscono vivere in regioni con fonti sostenibili di cibo e acqua come foreste aperte, aree boschive, zone umide e fattorie. Le praterie della savana e le foreste di sclerofille australiane hanno popolazioni particolarmente alte di questi uccelli unici.

Comportamento

Gli Emù sono creature diurne che si riposano dopo il tramonto e dormono per il resto della notte. Trascorrono le ore diurne in attività come la caccia, la pulizia delle piume e il bagno di polvere, intervallati da occasionali periodi di riposo. I suoni unici sono prodotti da questi uccelli, prevalentemente "in piena espansione" da parte delle femmine e "grugniti" dai maschi. I suoni rimbombanti sono prodotti durante i periodi di corteggiamento e fungono da minacce per i rivali in competizione per territorio e compagni. Una sacca gonfiabile per la gola è responsabile della produzione di questi suoni, e le loro altezze variano da un boma ad alta intensità che può essere udito da una distanza di miglia 1.2 (2 chilometri) a una inferiore utilizzata durante i periodi di corteggiamento e nidificazione. I grugniti sonori sono prodotti dai maschi durante la difesa territoriale, il corteggiamento e la nidificazione. Emus ansima durante la stagione calda per rilasciare calore e, durante la stagione fredda, i loro passaggi nasali multi-piegati riscaldano l'aria in entrata che raggiunge i polmoni. Gli Emù sono in grado di nuotare, ma in genere lo fanno solo in situazioni di emergenza come inondazioni o quando i fiumi impediscono il loro accesso ad habitat migliori.

Riproduzione

Durante i mesi estivi da novembre a gennaio, l'emù maschio e femmina si accoppiano per un periodo di circa cinque mesi. L'accoppiamento avviene durante i mesi da aprile a giugno, quando i maschi sperimentano un aumento dei livelli di testosterone e di luteinizzazione, portando a un raddoppio delle dimensioni dei loro testicoli. Durante questo periodo, anche gli emù maschili e femminili crescono di dimensioni. I maschi costruiscono nidi su regioni semi-vuote nel terreno, che sono quasi piatte nella struttura. L'area di nidificazione è selezionata in modo tale da fornire una visione chiara dell'ambiente circostante per rilevare eventuali predatori in avvicinamento. Per questa specie di uccelli, sono infatti le femmine a corteggiare i maschi e anche a competere tra loro per attirare l'attenzione dei maschi. L'accoppiamento avviene ogni giorno o in giorni alterni, culminando con le femmine che depongono le uova 5 in 15 ogni secondo o terzo giorno. Una volta deposte le uova, l'uomo inizia a rimuginare e difficilmente lascia il nido fino a quando le uova non si schiudono completamente. Durante questo periodo, i maschi perdono molto peso corporeo e dipendono dalle calorie immagazzinate per la loro sopravvivenza. La femmina, tuttavia, lascia il maschio meditabondo in cerca di altri compagni. Il "parassitismo della nidiata" è spesso osservato in caso di emù, in cui i maschi sono noti per incubare spesso uova che non sono state generate da loro.